La Maddalena Sardegna NET

 La Maddalena Sardegna NET La Maddalena Sardegna NET CONTATTO Contatti Sardegna NET|  La Maddalena Sardegna NET CHI SIAMO CHI SIAMO| DIVENTA PARTNER InfoLine Sardegna NET +39 349 5994024
Motore di Ricerca:
La Maddalena
Tipo
Nome Hotel, Residence, Appartamento, etc.
Zona
La Maddalena
La MaddalenaLa MaddalenaLa MaddalenaLa Maddalena
La MaddalenaLa MaddalenaLa MaddalenaLa Maddalena
La MaddalenaLa MaddalenaIsola della MaddalenaCoticcio
CapreBudelliArmeria PungensLa Maddalena

Un´Isola nell´Isola. Il fascino de La Maddalena non conosce limiti nè confini: la bellezza del mare e dei paesaggi, i colori e i profumi della vegetazione, la varietà della fauna marina, i palazzi ottocenteschi e i vicoli lastricati creano un suggestivo alternarsi di sensazioni per il visitatore, che rimane affascinato dalla natura cromatica di questi scenari.

L´arcipelago di La Maddalena, a nord-est della Sardegna (circa 11.750 abitanti), è costituito da sette isole principali e da diversi isolotti.
La Maddalena è la piu grande, con una superficie di circa 20 kmq. Segue Caprera, riserva naturale dal 1980. A queste si aggiungono le belle isole di Spargi, Spargiotto, Budelli, Razzoli e Santa Maria, meta privilegiata per chi vuole accostarsi ad una natura ancora incontaminata e le piccole isole di Nibani, Mortorio, Soffi e Camere, situate a sud-est dell´Arcipelago, di fronte alla Costa Smeralda.
Dalle isole, di diverse estensioni, si innalzano le imponenti rocce granitiche, ulteriore elemento di ricchezza paesaggistica dell´arcipelago. Queste richiamano la costa più vicina della Sardegna, quella della Gallura, anch´essa caratterizzata da panorami in cui si ergono alte pareti di granito.

La Maddalena fu fondata nel 1770 nell´area occupata da un borgo di pescatori, e da quel momento attirò le attenzioni di celebri condottieri per via della sua posizione strategica fra la Sardegna e il continente italiano.
Primo fra tutti Napoleone Bonaparte, che nel 1793 tentò inutilmente di sbarcare nell´isola, o l´ammiraglio Nelson, che stazionò con la flotta inglese nel 1804 prima della battaglia di Trafalgar.

Collegata con Palau tramite linee di traghetti la cui traversata dura circa 15 minuti, La Maddalena attrae ogni anno un alto numero di visitatori.

Attraccando su quello che Nelson definì “Il più bel porto del mondo”, si gode dalla banchina il paesaggio che da subito sorprende per la luminosità e per le variazioni di colori e impressioni delle case adagiate sulla collina, delle barche, della gente che passeggia lungo il viale del molo.
Attraverso i vicoli ci si addentra nel cuore del centro storico di fondazione genovese, tra gli antichi palazzi settecenteschi, arricchiti da motivi colorati ed eleganti balconi in ferro battuto.
Dalla piazza Garibaldi animata dai bar e dalle voci dei pescatori che giungono dal mercato, si segue via XX Settembre con le sue vetrine fino al porticciolo turistico di “Cala Gavetta”, insenatura affollata di barche a vela e pescherecci, di fronte alla quale si erge la Colonna Garibaldi. Percorrendo il lungomare che costeggia il porto in direzione di Caprera, si arriva infine alla piazza Umberto I, dove sorge l´Ammiragliato.
Il porto di Cala Gavetta chiude l´abitato a occidente regalando un affascinante scorcio urbano, mentre il museo archeologico navale Nino Lamboglia è dedicato all´archeologia subacquea. Percorrendo la strada panoramica che costeggia i litorali per circa 20 chilometri si possono attraversare zone panoramiche indimenticabili.


Il centro si veste a festa in occasione della festa patronale di Santa Maria Maddalena fra il 20 e il 22 luglio, invasa dai profumi della frittura di pesce a Cala Gavetta. Da evidenziare inoltre, ogni anno, il vivacissimo Carnevale

Le spiagge dell´isola risultano facilmente raggiungibili grazie alla “Strada Panoramica” che corre parallela alle coste di La Maddalena. Una volta sbarcati dal traghetto si può scegliere se dirigersi verso est o ovest percorrendo la strada che costeggia il porto. Andando verso occidente ci si trova sotto la “Colonna Garibaldi” di fronte al porticciolo turistico; ruotando intorno a quest´ultima e proseguendo sul lungo mare (via F. Filzi) si percorre la costa meridionale dell´isola arrivando in pochi minuti a Cala Punta Tegge, spiaggia molto frequentata nonché ritrovo notturno extraurbano della gioventù dell´isola. Situata sulla costa meridionale dell’Isola, è una piccola spiaggia di sabbia chiara. Alle sue spalle si trova la più bella scogliera dell’arcipelago, caratterizzata da scogli piatti che lambiscono un mare turchese straordinariamente trasparente.

Spiagge Isola di La Maddalena
Abbatoggia
Bassa Trinità
Cala Francese
Cala Lunga
Cardellino
Carlotto
Del Morto
Monti D Arena
Nido d´Aquila
Spalmatore
Lo Strangolato
Tegge
Testa del Polpo

Il mare e la natura vengono svelate grazie alle professionalità che si sono sviluppate nella zona: istruttori dei centri diving danno l´opportunità di immergersi nelle acque cristalline delle isole, per poter ammirare i suggestivi paesaggi marini del parco. Gli amanti del trekking, cavallo, mountain-bike, possono percorrere e scoprire la vegetazione composta dalle piante tipiche della macchia mediterranea. Il free climbing offre l´occasione anche di ammirare la pietra, sviluppata in alte pareti di granito modellato dal maestrale. E dopo una giornata tra mare e natura è proprio il caso di godersi la deliziosa cucina tipica locale, prevalentemente a base di pesce. Si possono gustare deliziosi primi come lo Zimminu, la tradizionale zuppa di pesci di varia qualità, e gli Spaghetti cui zini, ovvero conditi con sugo ai ricci di mare. Tra i secondi piatti possono essere invece assaporati gli ottimi Zerri alla brace, i Bardulini ingattivati, gattucci di mare in salsa verde o rossa, la Frittura di orticate, attinie fritte, e l´Insalata di polpo all´isolana, polpo a dadini in salsa piccante. Per concludere infine con i dolci, tra i quali sono tipici il Gattò, un croccante di mandorle o pinoli, e il Cucciuleddu cu l´ou, un biscotto dolce decorato con uovo.