Sardegna NET

CONTATTO Contatti Sardegna NET| CHI SIAMO Chi siamo Sardegna NET| DIVENTA PARTNERDiventa partner Sardegna NET InfoLine Sardegna NET +39 349 5994024
Sardegna Vacanze 2017
Prenota le tue vacanze in Sardegna
Tipo
Nome Hotel, Residence, Appartamento, etc.
Zona
Località
Dal Al
Cerca

ARCHITETTURA & ARTE  

Architettura ecclesiastica

Nelle principali città e nei più grossi centri della Sardegna sono possibile visitare antiche chiese e basiliche, in prevalenza di stile romanico. L'architettura ecclesiastica si esprime anche in molte chiesette e santuari campestri, il cui valore artistico è esaltato dalla posizione isolata e dall'ambiente circostante.

Architettura Civile e Militare

Fra le fortificazioni medioevali di cui restano tracce significative, ricordiamo i ruderi del Castello del Goceano (1129), del Castello di Serravalle, eretto dai Malaspina nei pressi di Rosa nel 1112, e del Castello dell'Acquafredda vicino a Siliqua (sec. XIII). Importanti le cinte murarie di Iglesias, di Sassari, di Oristano e soprattutto di Cagliari. Nel capoluogo si trovano inoltre il Castello di S. Michele e le torri dell'Elefante (1307) e di S. Pancrazio (1305). Esempio più significativo dell'architettura Catalano-Aragonese è senza dubbio la città di Alghero, con le molte opere di interesse civile e militare. Fra gli edifici di carattere difensivo-militare segnaliamo il castello di Laconi, la Casa- forte di Villasor, la Torre di Ghilarza e i bastioni cinquecenteschi di Cagliari. Infine, come esempi dell'architettura civile di questo periodo, citiamo la Casa di Eleonora a Oristano e l'Episcopio d'Usini a Sassari (1577).
Nel Settecento furono realizzate numerose opere militari sopratutto ad Alghero e a Cagliari. Fra gli esempi di edilizia civile è da segnalare il Palazzo dell'Università, il Teatro e il Seminario Tridentino, tutti a Cagliari. Sempre in ambito civile merita una menzione il Palazzo del Duca dell'Asinara a Sassari.

L'arte paleocristiana

La storia architettonica in Sardegna ha le sue origini più remote nell'età paleocristiana. Le chiese più importanti sono quella di San Saturnino a Cagliari (sec.V, uno dei monumenti precristiani più interessanti d'Italia) e di San Giovanni di Sinis, nei pressi di Cabras, risalente al sec. VI.

Il romanico

Come già detto, l'età romanica si rivela, dal punto di vista architettonico, la più significativa, ricca e varia. Ad un primo romanico (sec. X1) appartengono la chiesa di Santa Sabina di Silanus e la parte centrale di San Pietro di Bosa. Ad una successiva corrente del romanico risalgono invece la parrocchiale di Sant'Antioco (1102) e le caratteristiche chiesette di Santa Maria di Sibiola nei pressi di Serdiana e di San Platano di Villaspeciosa. Di derivazione toscana è la terza corrente del romanico, cui appartiene il primo impianto della chiesa di San Gavino a Porto Torres, di grande forza espressiva. A tale modello si rifanno gli architetti della chiesa di San Leonardo a Santulussurgiu e della cattedrale di Santa Giusta nei pressi di Oristano.
Del medesimo filone si hanno vari esempi nell'Oristanese, con la cattedrale di Terralba, il primo impianto di Santa Maria di Bonarcado (1147), San Paolo di Milis e San Palmerio di Ghilarza (sec. XII).
L'edificio più rappresentativo del gusto architettonico locale è la cattedrale di Ottana, in trachite nera e violacea.
Ad una fase più tarda del romanico ( XII-XIII), in cui si amalgamano gli influssi Toscano e Lombardo, appartengono alcuni tra i monumenti medievali più importanti dell'isola e d'Italia. Citiamo tra questi:
- la basilica di SS. Trinità di Saccargia, in aperta campagna nei dintorni di Codrongianus;
- la chiesa Romanico-Pisana di Nostra Signora di Tergu, che si erge solitaria in un altopiano vicino all'omonimo paese;
- la basilica di S. Antioco di Bisarcio, uno dei monumenti più importanti della Sardegna, edificata su un colle nei dintorni di Ozieri, a breve distanza dalla strada Sassari-Olbia, da cui è ben visibile;
- la maestosa basilica di San Pietro di Sorres, una delle più importanti costruzioni romaniche italiane, completata alla fine del sec. XII.
Della vitalità del tardo romanico in Sardegna sono testimonianza la cattedrale di San Pantaleo di Dolianova (1261), la chiesa di San Gemiliano di Sestu e quella di Santa Maria di Betlem a Sassari. Già di gusto gotico è la chiesa di San Pietro di Zuri, progettata da Anselmo da Como, l'unica in Sardegna di cui si conosca l'architetto.

 

Mappa Interattiva

ovest sud-ovest sud sud-est est nord-est nord nord-ovest centro

Top Destinations

Pula Nel sud della Sardegna
€23
Golfo Aranci A soli 18 Km a nord di Olbia
€34
Stintino Nel nord ovest della Sardegna
€24
Torre delle Stelle Nel sud est della Sardegna tra Cagliari e Villasimius
€26
Palau Nel nord est della Sardegna
€17